stiamo tranquilli…

Tutto quello che non hai mai osato chiedere sul biohacking [EN]

0 commenti

Vox risponde a nove domande sul fenomeno del cosiddetto ‘Biohacking’, uno stile di vita nato nella Silicon Valley, ma che si sta diffondendo anche al di fuori di essa.

Come dei novelli alchimisti, i biohacker sperimentano su di sé i più disparati stratagemmi per ottenere la massima prestazione dal proprio corpo e dalla propria mente, e condividono con la comunità i risultati ottenuti.

Biohacking, o biologia fai-da-te, è un termine estremamente ampio e amorfo che copre una vasta gamma di attività: dall’esecuzione di esperimenti scientifici su lieviti o altri organismi, al monitorare il proprio sonno e la propria dieta, fino al cambiare la propria biologia iniettandosi nelle vene il sangue di una persona più giovane, nella speranza che ciò combatta l’invecchiamento. (Sì, è una cosa reale chiamata “trasfusione di sangue giovane”, e se ne parla più avanti).

I tipi di biohacker che attualmente stanno guadagnando più notorietà sono quelli che sperimentano sul proprio corpo, al di fuori degli spazi e delle istituzioni di laboratorio tradizionali, con la speranza di aumentare le proprie prestazioni fisiche e cognitive. Formano un ramo del transumanesimo, un movimento che sostiene che gli esseri umani possono e dovrebbero usare la tecnologia per aumentare ed evolvere la nostra specie.

Tra l’antica speranza di vivere per sempre e la paura per un futuro in cui la natura umana possa essere irrimediabilmente compromessa, il biohacking porta a interrogarsi su cosa significa essere umani.

Fonte immagine: Pinterest

 


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.