stiamo tranquilli…

Contact Tracing: avanza il modello decentralizzato?

0 commenti

Finalmente sull’app di tracciamento contatti italiana, Immuni, sappiamo qualcosa di più (se vi manca l’antefatto, ne ho parlato nella newsletter della scorsa settimana). Sono infatti usciti alcuni importanti chiarimenti. Innanzitutto è uscita una comunicazione del ministero dell’Innovazione che toglie di mezzo alcuni dubbi e dice che:
– l’app sarà volontaria
– funzionerà via Bluetooth (no Gps, no geolocalizzazione)
– si baserà su codice aperto, open source (licenza Open Source MPL 2.0) e “suscettibile di revisione da qualunque soggetto indipendente voglia studiarlo”
– i dati, raggiunta la finalità perseguita, verranno cancellati, “con l’eccezione di dati aggregati e pienamente anonimi a fini di ricerca o statistici”
– l’intero sistema integrato di contact tracing dovrà “essere interamente gestito da uno o più soggetti pubblici”
– l’applicazione “non dovrà accedere alla rubrica dei contatti del proprio telefono, non chiederà nemmeno il numero e non manderà SMS per notificare chi è a rischio”

Continua a leggere su Guerre di Rete


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.