stiamo tranquilli…

Il giornalista che usa i social per denunciare le violenze della polizia contro i gilet gialli

Il giornalista che usa i social per denunciare le violenze della polizia contro i gilet gialli

0 commenti

A cura di @NedCuttle21(Ulm).

Valigia Blu dedica un articolo a David Dufresne, il giornalista e documentarista francese che sul suo profilo Twitter documenta con foto e video le ferite lasciate sui manifestanti, ma anche su semplici passanti, dall’utilizzo di flashballs e granate antisommossa da parte della polizia impegnata nelle proteste dei gilet gialli.

Secondo il dizionario inglese Merriam-Webster, una tweetstorm (“tempesta di tweet”) può definirsi come un “turbinìo di attività su Twitter a proposito di un tema particolare, spesso consolidato da un unico hashtag”. Quella scatenata da David Dufresne è probabilmente la più incredibile tempesta nel suo genere, ma non sono gli hashtag a unificare il messaggio dei suoi tweet, bensì la menzione costante di una piazza parigina, place Beauvau, dove ha sede il ministero degli Interni francese, la cui handle su Twitter è per l’appunto @Place_Beauvau. Dufresne è un giornalista (Libération, Mediapart), documentarista (France2, Arte) ed esperto del maintien de l’ordre in Francia (la dottrina relativa alla gestione dell’ordine pubblico). Sin dall’inizio del movimento dei gilet gialli, lo scorso novembre, ha censito sul suo profilo i feriti gravi e gli incidenti provocati dall’utilizzo di flashballs e granate di dispersione, armi in teoria non letali in dotazione alla polizia antisommossa francese impegnata nelle manifestazioni dei gilet gialli.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.