stiamo tranquilli…

Il malaxage, antica tecnica bretone per produrre il burro

0 commenti

In Bretagna, regione francese grande produttrice di latte e anticamente esente dalla tassa sul sale, gli artigiani del passato avevano saputo combinare questi due ingredienti per ottenere un burro particolarmente pregiato e che poteva essere conservato per un periodo più lungo.

Claudia Romeo di Insider si è recata a Saint-Malo  dove si trova “La Maison du Beurre” per incontrare Jean-Yves Bordier, un artigiano del burro che ha riportato in Francia la tecnica del malaxage, che risale al 1800, nella quale si utilizzano le mani e una grande ruota di legno per impastare e formare il burro.

Per Jean-Yves il malaxage  è il modo più romantico per produrre il burro e nella sua bottega tutto viene agitato, impastato, ammorbidito e modellato a mano.

“Ho sempre seguito il principio che quello che conta di più sono le emozioni e non sono interessato a fare un prodotto che sia solo marketing. Quel che facciamo è davvero qualcosa che non esiste più, sono gesti del XIX secolo col latte del 2020. E’ come perpetuare la qualità dei nostri antenati.”

Durante il filmato Jean-Ives spiega anche come il burro sia molto diverso a seconda del periodo dell’anno in cui il latte viene raccolto:

“L’inverno è il peggior momento dell’anno perché la texture del burro è il risultato di quello che mangiano gli animali. In questo periodo si nutrono di foraggio che dà un burro bianco, friabile, senza un gran profumo.”

Il filmato è in francese con sottotitoli in inglese.

Immagine Wikimedia.org

 



Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.