stiamo tranquilli…

La banda bengalese non suona più il rock

0 commenti

A cura di @Anonima (modificato).

Un articolo di Cristina Piotti su IL spiega il rapporto tra musica e politica in Bangladesh e il nuovo posto che si sta conquistando l’hip-hop.

Diventato indipendente dal Pakistan nel 1971, il Bangladesh conta 48 milioni di giovani, gran parte dei quali senza un’adeguata educazione e privi della necessaria formazione per entrare nel mondo del lavoro. Cresce il malcontento, ma soprattutto l’adesione a gruppi di matrice religiosa e fondamentalista. Tra le “vittime” del crescente stato di violenze e intimidazioni c’è anche la scena rock locale: «È un genere che in Bangladesh ha preso forma con l’indipendenza e con la nascita della nazione», spiega il professor Mubashar Hasan, del dipartimento di Culture Orientali dell’Università di Oslo. Alcuni partigiani della guerra di liberazione (il più famoso dei quali si chiamava Azam Khan) si trasformarono da eroi a musicisti.

Immagine da Wikimedia.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.