stiamo tranquilli…

La comunità ebraica americana e Bibi

0 commenti

Su suggerimento di @french canotta.

Umberto de Giovannangeli riporta le tesi di Thomas Friedman, secondo cui tra la comunità ebraica degli stati uniti e il governo israeliano si sarebbe creata una spaccatura.

Friedman, editorialista senior del The New York Times, che in passato ha ricoperto il ruolo di corrispondente di Gerusalemme e Beirut, ha affermato senza mezzi termini di credere che Israele non riconosca la comunità ebraica di cui fa parte. Per dar conto della faglia che si è creata tra Israele e la seconda più grande comunità ebraica del mondo, Friedman ha raccontato come i membri della sinagoga da lui frequentata abbiano deciso all’unanimità di interrompere la raccolta di fondi annuale per Israel Bonds dopo le polemiche sullo spazio egualitario di preghiera nel Muro Occidentale, che era inteso permettere agli ebrei di diverse correnti del giudaismo di pregare in un ambiente misto.

Al contrario, spiega Friedman, Netanyahu gode di ottime relazioni con Donald Trump e con l’area dei sionisti cristiani.

Immagine da Flickr.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.