stiamo tranquilli…

Perché diciamo no a una Commissione parlamentare d’inchiesta sulle “fake news”

Perché diciamo no a una Commissione parlamentare d’inchiesta sulle “fake news”

0 commenti

Capire meglio come si produce e diffonde disinformazione. Formare ogni cittadino all’uso consapevole della rete e delle nuove tecnologie. Educare la popolazione al digitale fin dalle scuole: sia gli studenti che i docenti. Soprattutto, difendere la democrazia dalle insidie di chi manipola la realtà, specie a scopi politici.

Fini nobili, obiettivi fondamentali in una società sana. Chi potrebbe mai essere contrario?

Nessuno, certo. E allora chi mai potrebbe opporsi all’istituzione di una Commissione parlamentare d’inchiesta per perseguirli?

Dà la sua risposta Fabio Chiusi su Valigia Blu.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.