stiamo tranquilli…

Sistema solare: febbraio 2019

0 commenti

A cura di @MostroDeibiscotti.

# Terra

Il Congresso degli Stati Uniti ha destinato alla NASA 21.5 miliardi di dollari  per il 2019, un incremento del 3.5% rispetto al 2018 e dell’8% rispetto a quanto proposto dalla Casa Bianca. Il direttore dell’Ufficio per la gestione e il bilancio ha annunciato un taglio del 5% per il 2020.

SLS potrebbe subire nuovi ritardi™.

Il James Webb Space Telescope ha superato alcuni test critici.

Per garantire l’accesso continuativo degli astronauti statunitensi alla ISS la NASA sta valutando la possibilità di acquistare altri due posti sulle Soyuz per l’autunno del 2019 e la primavera del 2020.

Il lancio inaugurale della Crew Dragon di SpaceX, una delle due capsule che dovrebbero restituire alla NASA la capacità di portare in orbita i propri astronauti, è previsto per il 2 marzo. L’evento è stato presentato durante una conferenza stampa congiunta SpaceX – NASA. Sul sito di Planetary Society è disponibile la timeline completa della missione. La NASA ha pubblicato un nuovo sito dedicato al programma e un più tradizionale press-kit [pdf].

SpaceX ha testato il Raptor, il nuovo motore a razzo alimentato a metano e ossigeno liquidi destinato a equipaggiare Starhopper e, in futuro, Starship, il vettore che nelle intenzioni di Elon Musk dovrebbe supportare la creazione di una base lunare.

La corte dei conti francese ha definito il progetto dell’Ariane 6 troppo convenzionale per poter competere con SpaceX.

CNES e ArianeGroup hanno annunciato lo sviluppo di una piattaforma per lo studio di un vettore riutilizzabile molto simile al Falcon 9.

Una Soyuz di Arianespace ha portato in orbita i primi 6 satelliti dei 650 che andranno a comporre la costellazione pensata da OneWeb per fornire accesso internet universale.

VSS Unity di Virgin Galactic ha terminato con successo il secondo volo suborbitale.

Jeff Bezos, fondatore di Blue Origin, ha rilasciato un’intervista in cui ha illustrato la sua visione dell’esplorazione spaziale.

# Luna

Beresheet, il primo lander lunare costruito da una compagnia privata, l’israeliana SpaceIL, è partito alla volta della Luna. Durante la fase iniziale del volo si è verificato un problema al computer di bordo, poi risolto senza conseguenze apparenti.

Lander e rover della missione cinese Chang’e 4 sono entrati in sleep mode per la seconda volta.

# Asteroidi

Hayabusa2 si è appoggiata sulla superficie dell’asteroide Ryugu dove, dopo aver sparato un proiettile di tantalio a 300 m/s, dovrebbe aver raccolto tramite una “proboscide” di circa un metro il materiale sollevato dall’impatto. Su sketchfab è disponibile un modello 3d della superficie di Ryugu nell’area di “atterraggio” della sonda.

# Marte

Durante un’affollata conferenza stampa la NASA ha dichiarato conclusa Mars Exploration Rover, la missione che ha visto protagonisti i rover Spirit e Opportunity. I contatti con quest’ultimo si sono interrotti lo scorso 10 giugno in seguito a una tempesta di sabbia planetaria e, a dispetto dei numerosi tentativi, non sono mai stati ripristinati. La perdita di Opportunity è stata molto commentata in rete e numerosi sono stati gli omaggi all’impresa del rover.

Il rover Curiosity ha riscontrato un’anomalia di origine tuttora ignota ed è entrato temporaneamente in safe mode. Al momento risulta di nuovo operativo. Nei giorni precedenti Curiosity aveva completato l’esplorazione del crinale Vera Rubin e si apprestava a muoversi verso una regione più argillosa del Monte Sharp, non prima di aver realizzato una ripresa a 360° della zona.

InSight ha terminato l’installazione degli strumenti scientifici sul suolo marziano e ha iniziato a raccogliere i primi dati metereologici. Un lungo articolo (prima, seconda, terza parte) curato dall’IPGP descrive la posa del sismometro mentre Ars Technica racconta di un “mistero marziano“.

I due cubesat che hanno accompagnato InSight nel viaggio verso Marte hanno interrotto le comunicazioni con la Terra.

# Varie

The Changing Dynamics of Twenty-First-Century Space Power“: studio a cura della Air University (USAF). [pdf]

Mete turistiche intergalattiche“: informazioni essenziali per scegliere l’esopianeta su cui passare le vacanze.

Immagine da SpaceX.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.