stiamo tranquilli…

La Cina si rafforza nel Pacifico per puntare sull’Oceano Indiano

di Giovanni • 17 Giu 2018 • 0 commenti 3

A cura di @Giovanni

Dopo aver consolidato la sua dirigenza suprema per vari anni a venire, tramite la recente conferma a presidente di Xi Jinping senza più limiti costituzionali di mandato, la Cina può ora dedicarsi alla sua graduale, ma inesorabile strategia di proiezione aeronavale esterna, secondo analisidifesa.it

Non solo, come parrebbe logico, sulle distese dell’Oceano Pacifico, ma anche in quell’Oceano Indiano troppo spesso dimenticato a dispetto della sua fondamentale funzione di “autostrada” delle petroliere che dal Medio Oriente si dirigono verso le grandi nazioni industrializzate dell’Asia Orientale. 

Feat, Mondo

Italy Is Safe From, and for, Jihadis

di Giovanni • 14 Mag 2018 • 0 commenti 1

Su suggerimento di @Giovanni.

In un articolo per Foreign Policy, Anna Momigliano spiega che, se l’Italia non ha finora subito attacchi terroristici di stampo jihadista, questo si deve non tanto a una più efficace opera di contrasto al terrorismo. 

Feat, Italia

La disciplina di mercato

di Giovanni • 24 Apr 2018 • 0 commenti 1

Su suggerimento di @Giovanni.

L’economista Franco Bruni spiega in un articolo per l’Ispi cosa ci si può aspettare nel prossimo futuo in tema di finanza pubblica europea, in particolare per quanto riguarda la severità con cui verranno giudicate le proposte del prossimo governo italiano:

Il caso italiano è un esempio di come la disciplina della finanza pubblica amministrata da Bruxelles, sia meno efficace, tempestiva, credibile di quanto vorrebbe e, soprattutto, di come sia controversa.

 

Feat, Mondo

Brexit: a che punto siamo?

di Giovanni • 29 Mar 2018 • 0 commenti 9

Su suggerimento di @Giovanni.

L’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale propone un riepilogo delle trattative che dovrebbero condurre all’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea:

Il 23 marzo si è riunito il Consiglio europeo durante il quale uno dei temi cardine è stata la discussione su Brexit.

 

Feat, hookii Best, Mondo

Israele VS Iran in Siria: così la “guerra fredda” cambia passo

di Giovanni • 22 Feb 2018 • 0 commenti 5

Su suggerimento di @Giovanni.

L’abbattimento lo scorso 11 febbraio dell’F16 israeliano di ritorno da una missione in Siria, dopo che a sua volta un elicottero israeliano aveva colpito un drone iraniano che aveva sconfinato nel suo spazio aereo, ha fatto aumentare la tensione tra Israele, il regime di Damasco e i suoi alleati regionali, in primis l’Iran.

 

Feat, Mondo

La versione di Costa

di Botolone • 19 Feb 2018 • 0 commenti 7

Su suggerimento di @Botolone, @pendolare e @Yoda.

Update 21/02: dopo il caldo dibattito in rete e su hookii riguardo l’editoriale di Francesco Costa, la discussione prosegue on-line con la risposta di Luca Sofri e un po’ di risposte sparse ai commenti ricevuti dallo stesso Costa. 

Feat, Politica

La mente vince sulla spada!

di Giovanni • 14 Feb 2018 • 0 commenti 0

Su suggerimento di @Giovanni.

Un articolo di Difesa Online discute il conflitto afgano analizzando di quali vantaggi dispongano i guerriglieri e terroristi locali:

Ormai da tempo si profila lo scenario dell’uscita di scena – continuamente rinviata – della coalizione dal Paese.

 

Feat, Mondo

I piani di Washington per i Balcani secondo l’Atlantic Council

di Giovanni • 23 Dic 2017 • 0 commenti 3

Su suggerimento di @Giovanni e @pigtr.

Luca Susic spiega in un articolo per Analisi Difesa quanto presentato dal think tank Atlantic Council lo scorso novembre in tema di influenza statunitense e russa nella penisola balcanica:

Per comprendere il testo è innanzitutto fondamentale notare come secondo l’AC lo scopo finale della politica statunitense verso i Balcani dovrebbe essere quello di giungere all’integrazione euroatlantica dell’area, facendo quindi entrare quanto prima nella NATO e nella UE gli Stati non ancora membri.

 

Feat, Mondo

La strategia Third Offset del Pentagono è finita, ma nessuno sa cosa verrà dopo [EN]

di Giovanni • 22 Dic 2017 • 0 commenti 1

Su suggerimento di @Giovanni.

Un articolo su Foreign Policy spiega l’attuale momento di incertezza nelle strategie di sviluppo tecnologico del Pentagono, a seguito della nomina di Jim Mattis a Segretario per la Difesa:

The strategy, first publicly announced in 2014 by then-Secretary of Defense Chuck Hagel, was an ambitious plan to do less with more, and “to identify and invest in innovative ways to sustain and advance America’s military dominance for the 21st century.” Hagel promised to “put new resources behind innovation, but also account for today’s fiscal realities — by focusing on investments that will sharpen our military edge even as we contend with fewer resources.”

Immagine da Wikimedia

Feat, Mondo

Il nucleare di Kim Jong-un e le sanzioni economiche: l’analisi del Ce.S.I.

di Giovanni • 25 Ott 2017 • 0 commenti 2

Su suggerimento di @Giovanni.

Sul sito del Centro Studi Internazionali, un articolo (in pdf) sulle ambizioni da potenza nucleare della Corea del Nord e sull’effetto delle sanzioni economiche imposte dalla risoluzione 2375 delle Nazioni Unite che, colpendo più le alte sfere delle gerarchie militari che Kim Jong-un, potrebbero minare la leadership interna creando nelle crepe nell’apparato di regime del dittatore nordcoreano. 

Feat, Mondo

Prima della nostra libertà dobbiamo limitare la loro

Prima della nostra libertà dobbiamo limitare la loro

di Giovanni • 24 Ago 2017 • 0 commenti 1

Su suggerimento di @Giovanni.

AnalisiDifesa propone un articolo di Gian Micalessin da Il Giornale del 21 agosto 2017.

[…] I dati statistici  raccolti in una tesi per il King’s College di Londra dal ricercatore italiano  Michele Groppi  rivelano  che  il  24% dei musulmani  nostrani  “sostiene la violenza in nome di Dio” e il 30% crede che “chi offenda l’Islam e i suoi principi debba essere punito”.
 

Feat, Mondo