stiamo tranquilli…

Traveling Violation – Tre notizie sulla NBA, più una – #13

0 commenti

A cura di @sakuragi.

Tredicesima puntata di Traveling Violation, la rubrica sulla NBA dedicata al fallo più fischiato nelle arene americane.

In questo episodio: L’All Star Game è morto, viva l’All Star Game; Iniziamo a distribuire un po’ di premi; Zion Bikila

First step: A (All) Star (Game) is Gone

Anche quest’anno è passata la settimana dell’All Star Game.

Qui un recap dei vincitori e dei vinti (ENG da The Ringer)

La gara del tiro da tre è andata a nome meno glamour presente: Joe Harris dei Brooklyn Nets, chiamato a gareggiare con l’ultimo posto disponibile anche grazie ad uno spettacolare video fatto girare dai Nets:

https://twitter.com/BrooklynNets/status/1083408125791690752

La gara delle schiacciate è andata, invece, a Hamidou Diallo degli Oklahoma City Thunder (che nel mentre si aggiudicavano anche i servizi di Markieff Morris in uscita da Washington, ndr), che ha battuto tutti anche grazie ad un “Elbow Dunk” fatto saltando sopra i 2.16m di Shaquille O’Neal:

https://twitter.com/NBAonTNT/status/1096971616586592256

Nella partita delle stelle, infine, le difese l’hanno fatta da padrone, con la vittoria finale per 178 a 164 del team LeBron, che ha anche compiuto una rimonta dal -17. Il titolo di MVP del match è andato a Kevin Durant ma una menzione d’onore è da dare a Dirk Novitzki e Dwyane Wade chiamati al loro ultimo ballo nella notte delle stelle. Wade ha anche dato spettacolo con un alley oop fatto ed uno ricevuto in coppia con il suo grande amico James:

https://www.youtube.com/watch?v=cd-pR2CJUWw

Second step: Who Will Be the First?

Da sempre la settimana dell’All Star Game è uno spartiacque della stagione NBA. Di solito è il momento a partire dal quale le squadre che puntano verso l’alto iniziano a salire di giri in vista dei playoff e quelle che puntano sul draft estivo cominciano a “sperimentare quintetti innovativi”.

Sino a qui i nomi circolati più insistentemente per il premio individuale più importante, quello di Most Valuable Player, sono quelli di (ENG da The Ringer):

Third step: …And Who Will Be the Sixth?

Altra corsa molto combattuta quest’anno è quella per il titolo di Miglior Sesto Uomo che vede correre vari giocatori che stanno fornendo grandi prestazioni sera dopo sera partendo dalla panchina (ITA da L’Ultimo Uomo).

Tra questi c’è l’ex-MVP Derrick Rose, che ha stupito tutti in questa stagione per la sua rinascita cestistica dopo varie stagioni martoriate dagli infortuni; Lou Williams, che sta confermando anche quest’anno la sua efficacia nell’entrare a partita iniziata e Domantas Sabonis che grazie all’impegno costante ed alla grande intelligenza cestistica sta aiutando gli Indiana Pacers a tenere la via verso i playoff anche senza Victor Oladipo.

Resteranno loro i candidati per questi titoli o gli ultimi mesi di regular season faranno emergere nuovi pretendenti?

FOUL! Traveling Violation: Shoeless Zion Williamson

Zion Williamson, prospetto dagli enormi mezzi fisici in uscita da Duke e destinato alla prima scelta del draft 2019 (ENG da The Ringer), ha subito un infortunio al ginocchio nella partita contro North Carolina. Per fortuna i report medici rassicurano sul fatto che si tratta solo di una distorsione ma l’infortunio ha fatto notizia perché è stato causato dall’esplosione delle sue scarpe, delle Nike PG 2.5 (ENG da SB Nation). Nike è finita nell’occhio del ciclone per questo, con diverse voci che vedono probabile una causa verso l’azienda di Beaverton (Oregon) e molti che si sono chiesti come questo sia potuto succedere (ENG da SB Nation).

Extra step – Shaq’s review

Chiudiamo con lo speciale di Shaquille O’Neal e dalla sua squadra sul weekend delle stelle NBA

 


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.