stiamo tranquilli…

Una critica al “post-giornalismo”

Una critica al “post-giornalismo”

0 commenti

Un pezzo pubblicato su City Journal, una rivista di politica pubblicata dal Manhattan Institute for Policy Research, analizza il modo in cui il New York Times e altri media di spicco negli USA hanno apparentemente adottato un modello di informazione militante a scapito di un tradizionale approccio giornalistico più obiettivo. In particolare racconta i retroscena di riunioni redazionali infuocate che hanno contrapposto la vecchia guardia del giornale a frange più ideologicamente schierate.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.