stiamo tranquilli…

Una, Dieci, Cento Gioconde

0 commenti

Chi non vorrebbe avere la Gioconda in mostra nel museo della propria città? Ora come ora non è possibile perché la Monna Lisa è troppo fragile per affrontare dei viaggi; l’ultima volta che è stata all’estero è stata nel 1974, a Tokyo e a Mosca, e in Giappone è stata imbrattata da un attivista locale.

Come riferisce il blog Finestre Sull’Arte però, in giro per il mondo ci sono copie e imitazioni della Gioconda, alcune anche di autori famosi, come Raffaello oppure della scuola di Leonardo stessa

I musei di tutto il mondo, dunque, devono accontentarsi, ma c’è chi può farlo meglio di altri, perché la fortuna della Gioconda, già in antico, è stata tale che oggi, sparse in ogni angolo del globo, ne esistano decine di copie e varianti antiche, alcune anche di alta qualità: proprio il cinquecentenario della scomparsa di Leonardo ha dato vita a un rinnovato interesse per questa lunga lista di “sorelle minori” della famosissima Monna Lisa, alcune delle quali presenti anche in Italia

L’articolo procede poi con una disamina di tali copie e varianti, conservate nei musei di mezza Europa:

Per rimanere nell’ambito delle derivazioni e senza sconfinare ancora in quello delle copie o delle varianti, la più nota è sicuramente la cosiddetta Gioconda nuda, nota anche come Monna Vanna, un disegno della scuola di Leonardo da Vinci, conservato al Musée Condé di Chantilly, e dal quale derivano omologhi dipinti più famosi: quella del Museo Ideale Leonardo da Vinci, che si vorrebbe attribuire a Gian Giacomo Caprotti detto il Salaì (Oreno, 1480 – Milano, 1524), quella della cerchia di Joos van Cleve (Joos van der Beke; Kleve, 1485 – Anversa, 1540), e la Flora di Carlo Antonio Procaccini (Bologna, 1571 – 1630). La Gioconda nuda replica in maniera quasi pedissequa la posa delle mani della Gioconda ma, al contrario di monna Lisa, monna Vanna è nuda, presenta il seno scoperto al riguardante, e il suo sguardo è nettamente più frontale rispetto a quello del più celebre dipinto del Louvre.

Immagine tratta da Wikipedia.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.