stiamo tranquilli…

Venezia, Hookiifest: Ask me anything con Riccardo Maggiolo

0 commenti

Settembre, tempo di Hookiifest. Il grande raduno veneziano si avvicina ed è tempo di svelarne i segreti. Oggi vi presentiamo Riccardo Maggiolo, che darà vita a Venezia a un “Ask me anything” su un tema che ci appassiona molto e che in questi tempi così difficili ci preoccupa: il lavoro. Questo incontro sarà l’occasione per approfondire l’argomento, porre domande e chiarire i nostri dubbi, approfittando della presenza di un giornalista che a queste tematiche si dedica con passione.

Riccardo Maggiolo scrive di lavoro sull’Huffington Post dove possiamo leggere un paio di suoi interventi dal titolo “Contro la passione del lavoro”  e “Nè sfruttatori né fannulloni” : ci aiuteranno a prendere confidenza col tema e con le idee del nostro ospite, che all’attività di giornalista affianca quella di formatore, scrittore e lo fa con uno spirito innovatore.

Autore di film, programmi televisivi e degli e-book “Brucia il tuo curriculum” e “I soldi leggeri”, ha tenuto corsi di ricerca del lavoro sul Web in molte delle maggiori aziende italiane. Gestisce per la Caritas il progetto “Ripartire”, per re-inserire nel mondo del lavoro persone che escono da situazioni di grave fragilità fisica, economica e sociale.

Il lavoro da sempre svolge tre funzioni per l’individuo: sostentamento, identità, realizzazione. Il Culto della crescita non riesce più a soddisfarli. Fortunatamente, ci sono tre strumenti che ci possono permettere di uscire dalla sua triplice crisi.

Così Riccardo Maggiolo presenta un intervento sul tema del lavoro nel suo podcast “Brave new work”, un viaggio alla ricerca del senso del lavoro.

“Brave new work” è anche il titolo di un e-Book nel quale Riccardo Maggiolo affronta le contraddizioni dell’era contemporanea, una stagione che ci vede in difficoltà anche se il mondo appare pieno di opportunità.

Abbiamo strumenti potentissimi ma ci sentiamo deboli. Infinite informazioni, ma ci pare di non sapere nulla. Siamo in contatto con migliaia di persone, ma ci sentiamo soli. Riusciamo a modificare l’ambiente, ma abbiamo paura di quasi tutto. Possiamo scorgere davanti a noi infinite possibilità, ma fatichiamo a trovare un senso. Insomma, siamo in un’età dell’oro e sembriamo spaventati a morte. Perché? Cosa ci inganna del nostro tempo? Che cosa possiamo fare per costruire un futuro migliore?

Il nostro ospite è anche fondatore della start-up Job Club , progetto no-profit che aiuta le persone a cercare lavoro agendo in gruppo.

Un Job Club è un gruppo eterogeneo di 8-12 persone che si aiutano nella ricerca di lavoro coordinati da un trainer professionista certificato e seguendo il “manuale Job Club”: un programma dettagliato di 10 incontri a cadenza settimanale. Ogni incontro è dedicato a un tema diverso della ricerca attiva del lavoro e prevede contenuti teorici, esercizi pratici, spazio di confronto, scambio di contatti e informazioni. Chiunque può farne parte, e si può fare in qualsiasi sala riunioni con solo carta e penna. La nostra esperienza dice che circa il 60% di chi completa il percorso trova occupazione. E comunque tutti coloro che partecipano in maniera costante a un Job Club si riattivano, uscendo dalla loro situazione di isolamento e con un obiettivo professionale chiaro e raggiungibile. Il risultato, quindi, è garantito.

Quale occasione migliore di un “Ask me anything” per conoscere Riccardo Maggiolo, le sue idee sul lavoro e sulla realtà contemporanea? Prepariamo le nostre domande. Alle risposte ci penserà lui.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.