stiamo tranquilli…

Il liberismo di destra è morto (in America)?

0 commenti

Su suggerimento di @francisco quintay@NedCuttle21(Ulm)

In un articolo pubblicato su Rivista Studio, Anna Momigliano parla del dibattito in corso tra gli intellettuali conservatori statunitensi.

I conservatori americani, che sono dotati di un solido apparato accademico ed ideologico […] hanno sempre avuto al loro interno due anime: da un lato il conservatorismo sociale, la destra dei valori della famiglia, pro-life, e anti-femminista; dall’altro il liberalismo economico, favorevole al libero mercato e allo small government, contrario alla spesa per il sociale e ai dazi. Per decenni queste due anime sono convissute senza troppi ostacoli, a parte qualche screzio…

Le elezioni del 2016 hanno dimostrato che molti americani sono «alla destra dei Democratici sui valori sociali e alla sinistra dei Repubblicani sull’economia». Il punto non è Trump, che peraltro molte promesse a favore della working class non le ha mantenute: «Il dibattito attuale riguarda qualcosa di più grande e più a lungo termine». Per i conservatori sociali, è «arrivato il momento di avanzare anziché ritirarsi» mentre i conservatori liberisti «sono dei generali senza esercito».

— Immagine da Flickr

 


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.