stiamo tranquilli…

Mark Thompson, grande capo del New York Times: «Fra dieci anni l’addio al giornale su carta, ma poi viene il meglio»

di ex cocomeraio • 28 Mag 2020 • 0 commenti 5

Serena Danna su openonline intervista l’Amministratore Delegato del più grande giornale americano: “Il segreto è puntare più sui lettori che sulla pubblicità”

Era il 2012, Thompson lasciava una Bbc in grande forma e uno stipendio non legato ai ricavi aziendali, per trasferirsi in giornale poco incline a prendere in considerazione dirigenti cresciuti oltre i ponti e i tunnel di Manhattan, e che perdeva milioni di dollari – trimestre dopo trimestre – a causa di una strategia esangue che puntava tutto sui giornali locali e un digitale zoppicante.

 

Feat, Media

Il New York Times ha pubblicato un articolo in italiano

di francisco quintay • 23 Feb 2018 • 0 commenti 7

A cura di @francisco quintay e @Yoghi.

Su Rivistastudio segnalano un articolo pubblicato in italiano sul NYT

Mercoledì il New York Times ha pubblicato un reportage su Castellina in Chianti, un piccolo comune in provincia di Siena che, come molti altri piccoli borghi, si sta spopolando dei suoi abitanti originari, visto che i giovani vanno a cercare lavoro altrove, ma che, come sta succedendo con qualche altro paesino, continua a vivere grazie all’arrivo di immigrati da altri Paesi.

 

Feat, Media

L’ultimo giorno della stampa a mano

L’ultimo giorno della stampa a mano

di Fhtagn! • 20 Set 2016 • 0 commenti 2

Su suggerimento di @Fhtagn!

La linotype era una macchina per la composizione a caldo che permetteva di creare un’intera linea di caratteri in metallo (line of types, per l’appunto) automatizzando la composizione tipografica dell’epoca. 

Cultura, Rapide

Le conseguenze economiche della Brexit [EN]

di Yoghi • 18 Giu 2016 • 39 commenti 1

Su suggerimento di @Yoghi

Abbiamo parlato ieri del punto di vista e degli ammonimenti del Primo Ministro norvegese sulla Brexit: in una Serie di articoli il NYT esplora invece le possibili conseguenze economoniche dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea: Peter Goodman si interroga sulle conseguenze per l’industria britannica in caso di vittoria del SI e sui piani della finanza internazionale a fronte di una scelta politica che rischia di turbare una delle principali borse mondiali.  

Economia, Feat, Politica