stiamo tranquilli…

Per una didattica della Storia controfattuale

0 commenti

Un articolo in due parti (I e II) a firma di Giuseppe Cilenti apre un’interessante riflessione sul possibile utilizzo dell’ucronia come metodo didattico e di studio della Storia.

L’ucronia «consiste nella sostituzione di avvenimenti realmente accaduti […] con altri, frutto di fantasia ma verosimili», e si basa sul concetto di “condizionale controfattuale”, un «enunciato condizionale al congiuntivo (corrispondente a quello che in grammatica è detto periodo ipotetico dell’irrealtà), la cui protasi enuncia un’ipotesi che è contraria a quanto è realmente accaduto, mentre l’apodosi enuncia la conseguenza che sarebbe derivata da quell’ipotesi» (definizioni dall’Enciclopedia Treccani).

Immagine da Pastourmakis.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.