stiamo tranquilli…

Ricominciare a leggere: qualche consiglio

0 commenti

Sul blog Tegamini.it Francesca Crescentini dà qualche consiglio pratico per ricominciare a leggere dopo che, per un motivo o per un altro, si è smesso.

Nonostante i libri siano un elemento cardine anche della mia identità di produttrice di contenuti – oltre che della mia identità professionale e “umana” -, sono quasi sempre riuscita a proteggerli da ansie produttive e smanie d’efficienza. Se c’è un’oasi felice dove posso beneficiare di una sana lungaggine, senza ingerenze esterne o obblighi e scadenze, è proprio quella dei libri. Sono la mia Valle Incantata, dove i dinosauri prosperano e gozzovigliano.

Ci sono periodi nei quali si legge meno, a tutti capitano e a volte preoccupano.

Succede quando le mie possibilità di coltivare la solitudine si restringono. Si tende spesso a considerare il tempo solitario come un non-luogo abitato soltanto da malinconia e tetraggine, ma nell’economia generale di una quotidianità popolata da tanti stimoli e interazioni umane diverse, ho imparato a percepirlo come una parentesi che mi restituisce energia, perché la rimetto in circolo in un sistema chiuso – il mio – e non la devo impacchettare e rovesciare qua e là.

Francesca Crescentini propone qualche semplice soluzione per superare questa impasse e suggerisce comunque di portare pazienza.

Anche nei grandi amori capitano quelle serate in cui ci si dice poco ma si sta comodi a sonnecchiare insieme e si sta benone lo stesso. Si possono oliare gli ingranaggi, certo, ma quel che serve talvolta è semplicemente ricaricare le benedette batterie.

Immagine Wikimedia Commons


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.