stiamo tranquilli…

Sui videogiochi, ha ragione Trump

Sui videogiochi, ha ragione Trump

0 commenti

A cura di @NedCuttle21(Ulm).

Alla luce dei tragici fatti di El Paso e Dayton, Rolling Stone Arcade pubblica una risposta ironica alla dichiarazione di Donald Trump secondo la quale i videogiochi violenti potrebbero essere una delle cause delle stragi da arma da fuoco negli USA.

Si scansino i fumetti, da decenni considerati un passatempo innocuo. Si allontani a testa bassa la musica heavy metal, ormai ampiamente sdoganata. Non si presentino neanche all’appello i film horror. Non c’è bisogno di loro, sono passatempi per giovincelli. È colpa dei videogiochi. È tutta colpa loro. Lo sospettavamo tutti, ma nessuno aveva mai trovato il coraggio di dirlo in maniera così netta e perentoria. Per fortuna è arrivato lui, Donald Trump. Ha parlato, e ci ha illuminato. In pochi secondi è riuscito a trovare la causa dei “mass shooting” che con drammatica frequenza si verificano negli Stati Uniti. Non c’è nessuna correlazione con la possibilità di acquistare liberamente qualunque tipo di arma. O con la possibilità di detenere in casa un (neanche troppo) piccolo arsenale. No, quelli non sono dei problemi. Il male assoluto è un altro.

 


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.