stiamo tranquilli…

Twitter ha annunciato una serie di blocchi e sospensioni per evitare la diffusione della teoria complottista conosciuta come “QAnon”

di hookii • 22 Lug 2020 • 0 commenti 1

Twitter ha annunciato una serie di blocchi e sospensioni per evitare la diffusione della teoria complottista conosciuta come “QAnon”, secondo la quale esisterebbe una rete di persone potenti – progressiste e responsabili di abusi su minori – che vorrebbe fare
Continua a leggere: Twitter ha annunciato una serie di blocchi e sospensioni per evitare la diffusione della teoria complottista conosciuta come “QAnon”
Fonte: il Post Internet

 

Immagine da Flickr

 

Ex feed, Internet

Spyware e giornalisti; il caso Assange

di Sakuragi • 1 Lug 2020 • 0 commenti 3

Lo spyware è arrivato in modo impercettibile. Nessun link, nessun messaggio esca, nessun SMS, nessuna telefonata. Semplicemente, Omar Radi ha aperto il browser del suo telefono per visitare un sito ma prima di approdare a destinazione è stato reindirizzato brevemente da un’altra parte, a uno strano indirizzo.

 

Feat, Internet

Videogiookii – 30 giugno 2020

di Sakuragi • 30 Giu 2020 • 0 commenti 1

Benvenuti in Videogiookii lo spazio nel quale gli utenti condividono o chiedono consigli videoludici o organizzano partite tra di loro.

Attualmente in corso c’è una partita ad Albion Online, gioco di ruolo gratuito online, nel quale è stata creata una Gilda aperta a tutti gli utenti che volessero giocare e razziare qualche dungeon in compagnia. 

Feat, Internet

Facebook protegge la libertà di espressione di Trump, ma non quella di attivisti e giornalisti palestinesi, siriani e tunisini

Facebook protegge la libertà di espressione di Trump, ma non quella di attivisti e giornalisti palestinesi, siriani e tunisini

di rer • 24 Giu 2020 • 0 commenti 4

Quando il mese scorso il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha implicitamente suggerito di aprire il fuoco contro i manifestanti per fermare i saccheggi (citando la frase usata dalle forze dell’ordine segregazioniste negli anni Sessanta “When the looting starts, the shooting starts“), durante le proteste per la morte di George Floyd, Facebook decise di non intervenire in alcun modo, nonostante quel post violasse le policy del social network in materia di incitazione all’odio e alla violenza.

 

Feat, Internet